3 differenti attrattive nei pressi del lago di Campotosto

3 differenti attrattive nei pressi del lago di Campotosto

Per chi desideri immergersi nella natura più verde, a contatto con piante ed animali, il lago di Campotosto si configura come il luogo più adatto, nel quale assecondare la propria necessità di relax e tranquillità, oltre alla propria vocazione per lo sport e l’attività fisica. Nei pressi delle rive del lago è possibile dedicarsi a numerose attività, l’una più entusiasmante dell’altra. Ma vediamo nello specifico cosa si può fare, oltre a riposare e godere dell’aria fresca e pulita, nei pressi del bacino lacustre abruzzese.

Nel mezzo della flora e della fauna

Il lago è inserito all’interno del suggestivo panorama del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga , un vero e proprio monumento europeo alla biodiversità. Gli amanti della natura e degli animali, possono trascorrere momenti piacevoli nei quali riscoprire il contatto con madre natura, potendo ammirare oltre 2000 tipologie di piante differenti, di cui ben 73 protette da normative internazionali. Splendida, in primavera, è la fioritura dell’adonide gialla, un fiore velenoso dagli splendidi petali, tanto bello quanto pericoloso per la salute dell’uomo se utilizzato nella pratica fitoterapica. Gli amanti degli animali non rimarranno delusi, grazie alla possibilità di osservare ed ammirare molte differenti specie, dal lupo al camoscio, oltre al cervo e all’aquila reale; inoltre, proprio nel territorio del parco, si concentra la più grande popolazione italiana di vipera dellOrsini.

trekking parco nazionale

Per gli amanti della pesca sportiva

In Italia in molti sono gli amanti della pesca sportiva, un’attività che fa della pazienza e dell’amore per la natura i suoi punti di forza. Tale pratica è molto diffusa non solo nella stagione primaverile ed estiva, ma anche in quella autunnale, grazie alla grande varietà di specie ittiche. Tra le più note si ricordano i coregoni, presenti in primavera, i lucci, presenti in primavera ed in autunno, e le tinche, molto diffuse soprattutto nella stagione estiva. Per poter pescare, naturalmente, è necessario attenersi al regolamento imposto dal comune di Campotosto, oltre a disporre della licenza di categoria B.

pesca luccio

Movimento all’aria aperta

C’è poi una terza categoria di persone, probabilmente la più diffusa, che ama vivere la montagna al pieno delle proprie possibilità, spingendosi oltre i limiti ed intraprendendo dei percorsi ed itinerari di livelli di difficoltà molto differenti tra di loro. Tra gli itinerari più suggestivi della zona, si ricorda quello che conduce da Campotosto al monte Cardito, della durata di circa un’ora, con un dislivello di circa 220 metri. Dalla piazza di centrale di Campotosto, attraverso una lunga serie di percorsi e stradine in salita, si giunge fino alla vetta del monte, ad un’altitudine di 1592 metri, da cui godere di uno splendido paesaggio naturale, fatto di fitta vegetazione, splendidi fiori colorati ed impreziosito da numerose specie animali montane.